Come si prepara il brandy fatto in casa?

Il Brandy è un'acquavite di vino ottenuta dalla distillazione di vino rosso o vino bianco. Questa bevanda è ideale da degustare con moderazione tutto l'anno, d'estate come d'inverno. Inoltre, è del tutto possibile farlo a casa. Devi solo avere l'attrezzatura giusta e usare la tecnica giusta. Per gustare questa acquavite in ogni stagione e apprezzare il sapore del fatto in casa, scopri la ricetta del brandy.

Il materiale e gli ingredienti

Il primo passo per fare il brandy fatto in casa è raccogliere i materiali necessari per la tua piccola distilleria. L'alambicco è uno strumento essenziale per farlo. Scegli un modello adatto alla tua stufa, preferibilmente in rame. Una capacità compresa tra 1 litro e 2 litri sarà più che sufficiente. Si noti che l'alambicco può essere utilizzato anche per produrre diversi tipi di liquori e distillati. Avrai anche bisogno di contenitori di vetro, un mestolo, una casseruola che possa contenere l'alambicco, un misurino e un asciugamano pulito. Come ingrediente, avrai principalmente bisogno solo di uve da vino, rosse o bianche a seconda delle tue preferenze.

La preparazione

Iniziare la preparazione mettendo l'alambicco sul fuoco. Per questo, versa acqua nella casseruola, quindi posiziona l'alambicco al suo interno. Metti tutto sul fuoco. Quindi versare il vino nell'alambicco, riempiendolo fino a tre quarti. Fissare il coperchio e collegare lo strumento. Quindi riempire il condensatore con acqua fredda e posizionare sotto un contenitore di vetro per raccogliere l'alcol. Assicurati di leggere le istruzioni per il tuo modello statico per comprenderne il funzionamento e l'uso.

Distillazione

Distillazione è un'operazione lenta. Deve anche essere regolare. Il vino contenuto nell'alambicco, infatti, dovrebbe cuocere a fuoco lento senza mai bollire. Per ottenere ciò, scalda il tutto al volo fino ad ottenere le prime gocce di distillato. Notare che il flusso di alcol dovrebbe essere lento; altrimenti, abbassate leggermente il fuoco. Raccogli le prime gocce che sono tossiche, se contengono alcool metilico e acetone. Annusa fino a quando l'odore del solvente non è scomparso. Getta via questo primo getto.

Quindi raccogli il cuore della distillazione che dovrebbe avere un odore fruttato del tuo vino. Il liquore ottenuto è limpido e può profumare di uva, mandarino, vaniglia, menta, albicocca, cannella, mora, fragola, melone, lamponi, ciliegie o tutti i tipi di agrumi. Assicurati di regolare il fuoco in base all'odore che non devi smettere di osservare. Evitare comunque di surriscaldare l'alambicco perché potrebbe seccare il mosto. Si noti che gli ultimi distillati contengono meno alcol e sono meno ricchi di aromi e sapori. Quando questo liquido inizia a scorrere, fermare il fuoco e scartare i fondi ancora.

La finitura

Infine, versare il cuore della distillazione in un contenitore adatto. Per 1,5 litri di vino dovresti aver ottenuto 300 ml di brandy. Il brandy così ottenuto deve essere conservato in un contenitore con coperchio a chiusura ermetica. Devi aspettare che l'elisir ottenuto abbia il tempo di respirare per alcuni giorni prima di poterlo assaggiare. Si consiglia anche di conservare il brandy per diversi mesi per invecchiarlo. Il gusto sarà migliore solo per il tuo aperitivo o come ingrediente del tuo cocktail.